12 Luglio 2024
Gran Bretagna

William Hill, la storia dell’operatore più antico al mondo

Quando si affronta l’argomento scommesse, uno dei primissimi nomi a venir fuori è sicuramente quello di William Hill: una delle realtà più iconiche nel mondo del gioco e delle scommesse sportive. Con più di 80 anni di esperienza nel settore, William Hill è in grado di offrire una gamma completa di scommesse e giochi online, tra cui casinò, poker, scommesse sportive e altri giochi (per scoprire informazioni più dettagliate consulta questa recensione su William Hill casinò); in sostanza, rappresenta una scelta affidabile per gli amanti del gioco.

Con oltre 17.000 dipendenti e più di 2.300 corner attivi solo nel mercato inglese ed irlandese, William Hill è un gigante consolidato e con una lunga eredità di successo: ha attraversato decenni di trasformazioni e innovazioni nell’industria, diventando uno dei leader del settore nel Regno Unito e, successivamente, esportando con successo la sua popolarità in mercati internazionali, come l’Italia, dove opera dal 2011 grazie alla concessione ADM.

La sua lunga storia di adattamento e crescita costante nel corso degli anni lo rende un punto di riferimento nell’industria del gaming: andiamo a scoprirla.

La fondazione e i successivi sviluppi

Fondata nel lontano 1934, l’origine di William Hill, che prende il nome dal suo fondatore, è avvolta da un’aura di leggenda, poiché è stata fondata in un’epoca in cui l’azienda operava esclusivamente attraverso il telefono e la posta. Solo nel 1961, con il boom delle scommesse in Gran Bretagna, William Hill poté estendere la sua presenza fisica aprendo agenzie sul territorio.

Negli anni successivi, William Hill ha costantemente ampliato la sua rete, tramite l’acquisizione di agenzie concorrenti, ed è subito diventato il principale operatore nel settore. La morte del fondatore nel 1971 portò all’acquisizione da parte del Sears Holding Group; gli affari continuarono a prosperare e nel 1973 il Regno Unito contava ben 14.750 agenzie di scommesse gestite da William Hill.

Un altro capitolo fondamentale nella storia dell’azienda si è aperto nel 1988, quando il colosso Grand Metropolitan ha acquisito William Hill e ha fuso l’azienda con il suo marchio Mecca Bookmakers, conservando il nome William Hill: questa mossa ha contribuito a consolidare la sua posizione di leadership.

L’era digitale

William Hill ha sempre dimostrato un’attitudine all’innovazione, tant’è che nel 1998 è diventato uno dei primi operatori a offrire servizi online di scommesse e giochi. Oggi, la sua piattaforma ufficiale è disponibile in oltre 21 lingue e operativa in più di 175 paesi, numeri che stanno a dimostrare una grande ambizione di espansione globale.

L’ingresso in borsa nel 2002 ha segnato una svolta significativa per William Hill, ha aperto la strada a un’ulteriore crescita e ha consentito all’azienda di espandersi con successo in mercati internazionali; questo slancio ha portato all’espansione in Australia e all’ottenimento di una storica licenza di gioco nello Stato del Nevada, negli Stati Uniti, rendendo William Hill il primo operatore europeo a raggiungere questo traguardo.

Nel mercato italiano, William Hill opera con una regolare licenza ADM dal 2011 e offre scommesse sportive, giochi da casinò e poker per soddisfare le diverse esigenze dei player italiani. La presenza costante e l’affidabilità data da una storia quasi centenaria, oltre alla conformità alle normative locali, hanno contribuito a guadagnare la fiducia dei giocatori anche in Italia.

Gli ultimi anni hanno portato un’enorme novità: nel novembre 2020, Caesars Entertainment ha lanciato una proposta di acquisizione di William Hill, che è stata completata con successo nel 2021. Questa operazione ha comportato il mantenimento del business negli Stati Uniti e ad oggi certifica quanto sia un marchio di valore, riconosciuto anche oltre i confini della monarchia britannica: in un mondo in cui il gioco è in costante evoluzione, William Hill continua a dimostrare che l’esperienza e l’innovazione possono coesistere.