Il Palermo entra nella galassia dello sceicco Mansour

Nuova era del Palermo, neo promosso in Serie A. A Milano il presidente Dario Mirri, in uno studio notarile, ha siglato l’atto con i vertici del City Football Group per il passaggio delle quote alla holding dello sceicco Mansour.  L’accordo prevede l’acquisizione dell’80% delle azioni del club siciliano da parte gruppo inglese, con Mirri che resta con il 20% e la carica di presidente. Il costo dell’operazione è di 13 milioni di euro più bonus in favore dell’attuale proprietario in base a degli obiettivi da raggiungere.

Grande soddisfazione per l’operazione è stata espressa da Ferran Soriano, CEO della holding e amministratore delegato del Manchester City e Diego Gigliani, managing director del City Football Group e dall’avvocato Alberto Galassi, membro del board del City Football Group (membro del consiglio d’amministrazione del club rosanero) e da Michele Centenaro, Segretario generale dell’ECA per un decennio e oggi membro indipendente del board dell’associazione dei club europei e da Giovanni Gardini, dirigente in passato di Inter e Verona, tra le altre esperienze italiane, nuovo amministratore delegato del Palermo, dopo avere svolto il ruolo di consulente nella trattativa per conto del City.