Quanto vale la cinquecento lire di Dante? La risposta lascia stupiti

Chi compie 18 anni nel 2021 in Italia non conosce la Lira. Lo stesso chi diventa maggiorenne ora in Germania, non ha alcun ricordo del marco. Chi invece è nato qualche anno addietro ricorda la sua valuta nazionale. E c’è anche chi oltre ad essere appassionato della moneta storica del suo Paese ne è diventato negli anni anche un collezionista e chi ne ha fatto un’attività redditizia. A volte infatti possedere alcuni pezzi di pregio equivale ad avere un mini tesoro. Quanti conoscono ad esempio il prezzo della moneta da 500 lire di dante? Continuando a leggere troverete daremo la risposta che lascia particolarmente stupiti perchè al cambio 500 lire sono poco più di 25 centesimi di euro.

La Lira è stata la valuta degli italiani per tante generazioni, ha rappresentato quella moneta in cui in tanti hanno comprato casa, fatto la spesa al supermercato, comprato un volo aereo per andare a Londra. Ma il sogno di un’Europa unita ha portato verso la moneta unica, quel dollaro europeo che si chiama euro. Dal gennaio 2002, ormai quasi 20 anni addietro, è finita in modo definitivo un’era anche se la valuta nazionale è rimasta nel cuore di tanti italiani, molti nostalgici, altri collezionisti.

Tra le monete davvero più belle e collezionate ci sono le 500 lire. Le ultime versioni circolanti prima dell’avvento dell’euro erano bimetalliche (realizzate con due metalli), piccole e rotonde. Le mitiche 500 Lire a volte erano sufficienti per un biglietto della metro (ma bisogna andare parecchio indietro nel tempo…) o al supermercato. La moneta da 500 lire bimetallica circolante fino alla sua uscita di scena risale al 1982. Infatti in precedenza le monete da 500 lire erano di carta o in argento. Chi le ricorda è nato prima degli anni Ottanta…quindi oggi è più avanti negli anni. Queste ultime hanno preso particolare valore nel tempo per via di un evento speciale che ha portato alla loro coniazione, come le 500 lire Dante Alighieri. Ma oggi il prezzo della moneta da 500 lire di dante qunt’è? Vediamolo insieme…

Nel 1965 sono state coniate le 500 lire Dante Alighieri. Si tratta di monete d’argento coniate per i festeggiamenti del settimo Centenario della nascita del sommo poeta toscano. Le 500 lire Dante Alighieri misurano 29 millimetri di diametro e pesano 11 grammi. Il loro titolo è di 835/1000. La moneta è stata emessa in circolazione dalla Zecca di Stato insieme ad altre monete da 500 lire chiamate Caravelle, che avevano raffigurate delle barche con vele spiegate al vento.

Le 500 lire Dante presentano su una faccia il ritratto del poeta circondato dalla scritta “Repubblica Italiana”. Sotto l’effige sono riportate le firme del modellista Verginelli e dell’incisore Monassi. L’altra faccia invece riporta un’allegoria della Divina Commedia con raggi solari e stelle a simbolo del Paradiso, nubi per il Purgatorio, fiamme per l’Inferno. Alla destra delle 500 lire è inciso il simbolo R della Zecca di Roma, il valore nominale L.500 e, più in basso, l’anno in cui è avvenuto il conio 1965. A contorno del conio c’è la dicitura che indica il Settimo centenario della nascita di Dante Alighieri.

Ma quante 500 lire Dante Alighieri sono state coniate? Ben 5 milioni di esemplari. Il suo valore oggi oscilla dai 3 ai 10 euro. Ma attenzione! C’è in circolazione un esemplare di prova, emesso in tiratura limitata e donato al tempo ai dipendenti della Zecca di Stato. Questa 500 lire Dante ha incisa la scritta Prova e vale ben 5 mila euro. E’ questa la moneta tra le 500 lire Dante che ha un valore interessante. Si tratta di un unicum ed è molto ambita tra i collezionisti. Chi ne possiede una ha un mini tesoro il cui valore è destinato ad accrescere nel tempo. Si può decidere di metterla sul mercato adesso a 5 mila euro all’incirca o attendere ancora qualche anno.

La 500 lire Dante di prova è una delle monete più belle e uniche della moneta nazionale italiana. Non è così rara. Tanti italiani se la ritrovano in casa. Alcuni perché ne sono stati beneficiari diretti, altri perchè l’hanno ricevuta in eredità. Non tutte le monete di prova delle 500 lire dedicate a Dante Alighieri sono oggi tra le mani dei collezionisti. Ce ne sono molte che potrebbero ancora essere conservate in qualche vecchio cassetto…in attesa di essere ritrovate!