Bandiere italiane: i simboli delle Regioni

Dal Veneto sino alla Sicilia: scopriamo le bandiere italiane, ricche di storia e di significato

Non solo il Tricolore, in Italia esistono anche delle bandiere che indicano le Regioni. Nel corso degli anni sono diventate un simbolo di rappresentanza e un metodo per la comunicazione istituzionale e pubblicitaria. Dalla Sicilia alla Sardegna, sino al Lazio, le bandiere delle Regioni sono molto diverse fra loro e una più bella dell’altra: scopriamole tutte.

Le Bandiere delle Regioni italiane

Abruzzo – la bandiera dell’Abruzzo è costituita da un drappo bordeaux con lo stemma della Regione: uno scudo bordato in oro con fasce oblique bianco, verde e azzurro. Sono i colori che rappresentano le splendide montagne innevate, le colline verdi e il mare azzurro di questa Regione.

Basilicata – la bandiera della Basilicata ha uno sfondo blu mare e al centro presenta uno scudo con quattro onde azzurre sull’argento.

Calabria – la bandiera della Calabria presenta il simbolo della regione: un ovale diviso in quattro quadranti con alcuni elementi. Troviamo un pino tipico del territorio, un capitello dorico, che rappresenta il passato segnato dagli Antichi Greci, una croce nera potenziata e infine una croce bizantina.

Campania – la bandiera della Campania è formata da un rettangolo azzurro con lo stemma della regione che è ispirato alla repubblica marinara di Amaldi, costituito da uno scudo bianco e una banda rossa.

Emilia-Romagna – la bandiera dell’Emilia Romagna è bianca, con la dicitura “Regione Emilia-Romagna” al centro e sotto lo stemma che riporta il profilo della regione: un trapezoide rettangolo verde.

Friuli-Venezia Giulia – la bandiera del Friuli-Venezia Giulia è formata da un’aquila d’oro su uno sfondo azzurro con delle rocce fra gli artigli.

Lazio – la bandiera del Lazio ha uno sfondo azzurro e presenta al centro lo stemma della regione, formato da un ottagono bordato in oro e diviso in nove parti. Al suo interno sono raffigurati: lo stemma di Roma, le province di Latina, Rieti, Frosinone e Viterbo.

Liguria – la bandiera della Liguria presenta delle bande verticali di uguale dimensione e di colore verde, rosso e azzurro. Al centro si colloca lo stemma della Regione: una caravella stilizzata.

Lombardia – la bandiera della Lombardia raffigura la rosa camuna con una forma stilizzata in bianco e su uno sfondo verde.

Marche – la bandiera delle Marche è molto semplice e riporta la dicitura “Regione Marche” in verde con uno sfondo bianco in cui si trova anche uno scudo con un picchio e una M stilizzata.

Molise – la bandiera del Molise è blu e al centro presenta lo stemma della Regione: uno scudo rosso con una stella d’argento che rappresenta le origini della famosa Contea del Molise nel lontano 1608.

Piemonte – la bandiera del Piemonte è formata da una bordatura blu e una croce bianca su sfondo rosso. Nella parte superiore si trova una figura araldica costituita da un listello con tre gocce pendenti.

Puglia – la bandiera della Puglia è formata da uno sfondo bianco con sopra uno scudo sannitico con la corona d’oro Federiciana. Fra i simboli presenti nella bandiera troviamo l’albero d’olivo e un ottagono rosso e azzurro. Spiccano anche sei cerchi che rappresentano le province pugliesi.

Sardegna – la bandiera della Sardegna ha uno sfondo bianco con il simbolo della regione: la croce di San Giorgio e quattro teste di moro ognuna in un riquadro. Si tratta di un simbolismo che trae origine dalla tradizione spagnola.

Sicilia – la bandiera della Sicilia è trinciata di giallo e rosso, colori che rappresentano il sangue versato durante le guerre d’indipendenza e la gloria nelle vittorie. Al centro si trova Triscele, un’antichissima raffigurazione araldica costituita da un guerriero con tre gambe. Nella bandiera troviamo inoltre le spighe e un gorgoneion, ossia una testa di Gorgone.

Toscana – la bandiera della Toscana si ispira al passato e alla storia del Gran Ducato di Toscana. Presenta uno sfondo bianco e delle bande rosse poste ai lati orizzontali della bandiera. Al centro si trova un Pegaso d’argento che, secondo la tradizione, sarebbe stato creato da Benvenuto Cellini.

Trentino-Alto Adige – la bandiera del Trentino-Alto Adige presenta uno stemma con all’interno due aquile San Venceslao per il Trentino e due aquile rosse simbolo dell’Alto Adige. La bandiera inoltre è divisa in due bande: una bianca e una azzurra, della stessa dimensione. I colori sono un chiaro riferimento a Trento e Bolzano.

Umbria – la bandiera dell’Umbria è stata utilizzata per la prima volta nel 2004 e raffigura degli elementi geometrici che rappresentano i tre ceri di Gubbio. Il disegno rosso è delimitato da strisce bianche su sfondo argento. Il resto dello spazio invece è di colore verde.

Valle d’Aosta – la bandiera della Valle d’Aosta non presenta nessuno stemma o scritta. L’area è semplicemente divisa in due zone di colore nero e rosso.

Veneto – la bandiera del Veneto è molto complessa e si ispira alla bandiera di Venezia. Formata da cornici arancioni e rosse che circondano un riquadro con il Leone di San Marco. Sullo sfondo si trovano invece le Alpi, il mare e la pianura, mentre sulla destra spiccano le bandiere delle province del Veneto.