Rimborso per volo in ritardo: quali sono gli importi e la procedura

Tra le disavventure peggiori per i viaggiatori ci sono quelle che possono avvenire mentre si viaggia in aereo, ad iniziare dal volo che parte in ritardo o viene cancellato. A volte una situazione del genere può addirittura compromettere una vacanza o un impegno di lavoro. Ma si ha diritto al rimborso per volo in ritardo. Infatti esiste il Regolamento CE 261/2004 che contempla il diritto a richiedere un risarcimento. L’importo arriva fino a € 600 a persona. Ne abbiamo parlato con gli esperti di claimflights.it.

Rimborso per volo in ritardo: cosa dice la normativa

La Commissione europea ha introdotto il regolamento n. 261 nel 2004 dedicato ai passeggeri aerei stabilendo un risarcimento volo che può arrivare sino a 600 euro per i ritardi, i casi di cancellazione del volo e l’imbarco negato. Ci sono chiaramente delle regole specifiche. Innanzitutto il ritardo in arrivo deve essere superiore alle 3 ore. Bisogna essere partito da un aeroporto dell’Unione Europea o essere atterrato in un aeroporto comunitario con una compagnia aerea regolamentata dell’Unione.

Il tempo di arrivo viene registrato quando l’aeromobile atterra e una delle sue porte viene aperta. Tuttavia le compagnie aeree spesso si oppongono fornendo la loro interpretazione della norma. “Sostengono infatti che l’orario di arrivo è il momento in cui l’aereo colpisce la pista. Non essere sorpreso, alle aziende piace sfruttare le falle nel sistema” si legge su claimflights.

“La cosa positiva è che non devi essere un cittadino dell’UE per richiedere un risarcimento. I ritardi di volo si verificano e sono una cosa comune per i viaggiatori aerei. Ma è importante conoscere i tuoi diritti nel caso ti capiti. In questo modo saprai a cosa hai diritto”.

Il ritardo del volo può essere dovuto a tanti motivi

Infatti non sempre le compagnie aeree ne sono responsabili. Come è evidente non possono controllare le tempeste e le condizioni meteorologiche estreme. Ma sono responsabili per ciò che è sotto il loro controllo dagli errori tecnici alla gestione non corretta dell’equipaggio. Se un ritardo del volo avrebbe potuto essere evitato, la compagnia aerea è tenuta ad offrirti una compensazione in soldi.

Non tutti i viaggiatori conoscono nel dettaglio quali sono i diritti relativi alla richiesta di denaro da fare alle compagnie aeree. Quindi bisogna documentari sul rimborso per volo in ritardo. La somma della compensazione cambia in riferimento alla durata del ritardo e alla distanza del percorso. Sul portale di Claimflights è disponibile il calcolatore gratuito del risarcimento per ritardo del volo per verificare l’importo della compensazione pecuniaria che è possibile richiedere alla compagnia aerea. Basta inserire il numero del volo e la data del viaggio nello strumento di verifica della compensazione e viene visualizzato l’importo esatto. Per chiedere il rimborso bisogna avere raggiunto la destinazione finale con tre o più ore di ritardo.

Come chiedere il risarcimento per un volo in ritardo

La compensazione pecuniaria tuttavia non è l’unica cosa che la compagnia aerea deve fornire ai propri passeggeri. La normativa europea elenca ciò che ogni compagnia aerea dovrebbe offrire ai passeggeri in caso di ritardo: spuntini e bevande. Possibilità di inviare email ed effettuare chiamate telefoniche. Se durante le ore di ritardo, i passeggeri non hanno altra scelta che soggiornare in un hotel, la compagnia aerea dovrebbe offrire la sistemazione in albergo e un servizio di trasporto. In caso di mancata coincidenza, deve essere offerto un volo gratuito o un volo alternativo per la destinazione originale.

In caso di coincidenza persa si ha diritto ad ottenere un rimborso del costo del biglietto per la parte del viaggio non coperta. E anche di richiedere un volo di ritorno alla tua destinazione originale.

Quando si richiede il risarcimento alla compagnia aerea non sempre si ottengono risposte tempestive o i propri diritti vengono riconosciuti. E’ possibile anche fare una comunicazione legale affidandosi ad un avvocato (ma bisogna anticipare delle somme di denaro). Oppure si può richiedere il risarcimento per volo in ritardo attraverso ClaimFlights, specializzata nel richiedere il risarcimento per ritardo o cancellazione del volo.

E’ sufficiente inserire il numero del volo e la data nel calcolatore gratuito del risarcimento. Dopo aver inserito le informazioni richieste, si indica il motivo e i dettagli del volo. Il calcolatore del risarcimento mostra l’importo che si può richiedere. Altri documenti da fornire sono: biglietto aereo, carta d’imbarco, dati di contatto. Tempo da impiegare per la richiesta: 2 minuti. Firmando digitalmente il modulo di richiesta un esperto organizzerà tutto. Il risarcimento (detratta la commissione del servizio) viene trasferito direttamente sul conto bancario. Non viene addebitato alcun costo ai clienti fino a quando non viene vinta la loro causa e non viene ottenuto un risarcimento dalle compagnie aeree.