Praga meta più gettonata del turismo internazionale

Praga conta più di 6 milioni di visitatori all’anno. E’ una delle mete più gettonate del turismo internazionale. Vanta una delle collezioni architettoniche più varie al mondo. Ci sono edifici gotici, neoclassici, barocchi, ispirati al cubismo e all’art nouveau.

Un viaggio a Praga

Stare Mesto è il quartiere più antico. Si possono ammirare numerosi palazzi barocchi, i vicoli acciottolati, i viali imperiali, i ponti, le cattedrali e le chiese gotiche che svettano alte con le loro guglie.

Il Castello

Al suo interno c’è la Cattedrale di San Vito che ospita un’importante reliquia della cristianità. Si tratta della testa di San Luca. La Cattedrale venne iniziata nel 1344, durante il regno di Carlo IV. Tuttavia è stata stata completata solo nel corso del XIX secolo.

Il castello venne fondato poco prima dell’880 dal principe Borivoj . Divenne la residenza dei principi di Boemia ed in seguito dei sovrani del regno di Boemia. I sovrani Carlo IV e Rodolfo II abbellirono ed ingrandirono l’area, edificando numerose strutture religiose e laiche al suo interno. Rodolfo II fece edificare l’ala nord e la grande sala detta Spagnola, al fine di sistemarvi le sue collezioni d’arte e scientifiche.

L’Orologio Astronomico

La Chiesa dedicata a Santa Maria di Tyn è un edificio gotico che domina la piazza principale della Città Vecchia. L’interno barocco stride con la facciata gotica, ma risale al periodo post incendio, che vide un ampio rifacimento dell’intero centro storico di Praga.

A poca distanza dalla Chiesa di Santa Maria di Tyn sorge un’altra delle attrazioni della città. E’ l’orologio astronomico medievale montato sulla torre posta nel lato sud del municipio. L’orologio è animato da un meccanismo che allo scoccare di ogni ora mette in movimento il corteo dei dodici apostoli, insieme ad altre quattro figure che rappresentano i vizi capitali.

Il Ponte Carlo

Il monumento più famoso della capitale della Cechia è il Ponte Carlo. Misura oltre 500 metri in lunghezza e 10 metri in larghezza ed è costantemente frequentato da musicisti ed artisti di strada. La sua costruzione è durata quasi mezzo secolo e fu avviata da Carlo IV, che suggerì ai suoi architetti di prendere come modello il ponte di pietra di Ratisbona. A partire dal XVII secolo il ponte fu abbellito con l’aggiunta di statue di santi ed oggi se ne contano in totale trenta. La prima ad essere posizionata lungo il ponte fu quella di San Giovanni Nepomuceno, risalente al 1683. Questa statua – secondo la tradizione ceca – porta fortuna a chi sfiora la lapide alla base della figura del santo, luogo esatto in cui San Giovanni perse la vita. È credenza diffusa che toccando la lapide si riceva fortuna per dieci anni e ci si assicuri il proprio ritorno a Praga.

La Galleria Nazionale

La capitale della Repubblica Ceca ha il maggior numero di teatri in Europa. La galleria nazionale è uno dei principali musei d’arte, costituita da un gruppo di cittadini nel 1796. L’attuale galleria nazionale è suddivisa in diverse sedi e possiede collezioni di enorme valore, fra cui quelle sull’arte antica, sul medioevo boemo, sull’arte orientale, sul manierismo, sul barocco, sull’arte ottocentesca e novecentesca. Fra le opere più mirabili figurano tele del Tintoretto, di Piero della Francesca, di Lorenzo Monaco, Durer, Rubens, Peter Brueghel il Vecchio. Ma anche di Rembrandt, El Greco, Goya, Delacroix, Courbet, Monet, Pissarro, Van Gogh, Picasso, Munch e tanti altri.