28 Febbraio 2024
Bosnia-ErzegovinaTravel

Capodanno a Sarajevo tra storia e tradizioni dei Balcani

Un Capodanno originale da trascorrere a Sarajevo, una città dalla storia millenaria. Qui si scopre un un pezzo d’Europa misterioso ed affascinante.  Sarajevo in questo periodo dell’anno presenta un paesaggio innevato che lascia senza fiato.

La Bosnia-Erzegovina è una terra affascinante che merita di essere visitata. Una delle località più rinomate delle costa dalmata è Senj. Unico e suggestivo è il percorso della Jadranska Magistrala, la strada che costeggia l’Adriatico e ci accompagna nel cuore della Bosnia-Erzegovina. Sulla strada per Sarajevo è bene fare tappa a Mostar, punto d’incontro tra l’occidente e l’oriente, una città piena di storia con le sue moschee e il ponte vecchio. E’ stata riconosciuta patrimonio comune dell’umanità dall’Unesco.

Sarajevo, circondata dalle montagne, è ritenuta la Gerusalemme europea. La capitale è, infatti, un luogo di culto di religioni differenti: ebraismo, cristianesimo cattolico e serbo-ortodosso, Islam. Tutte le religioni e le differenti etnie nel tempo hanno reso Sarajevo l’attuale gioiello architettonico. Qui si ammirano sinagoghe, cattedrali e moschee in un paesaggio urbano unico. Il Capodanno si può trascorrere in piazza tra musica, danze e fuochi d’artificio oppure in uno dei tipici ristoranti che a fine serata propongono balli sino all’alba. Chi non rinuncia alla movida può prenotare in uno dei tanti locali da ballo della città.