La Galleria Vittorio Emanuele II luogo di sosta per incantati turisti

Milano è un capitale europea a tutti gli effetti, pur non essendolo amministrativamente. Uno dei simboli della sua grandezza è la Galleria Vittorio Emanuele II, uno dei luoghi più belli e prestigiosi, spazio di sosta per turisti curiosi e incantati, intenti ad ammirare lo sfaccettato volto della città. E’ raggiungibile con la linea rossa M1 e la gialla M3 fermata Duomo.

Galleria Vittorio Emanuele II: il senso del movimento

La Galleria Vittorio Emanuele II è considerata, insieme a via della Spiga e via Montenapoleone, sede dello shopping di lusso. Hanno sede marchi e griffe di prestigio, eleganti ristoranti e caffè, librerie storiche.

Si ha la sensazione di immergersi nel cuore della città. E’ una via porticata da vetrina e da passeggiata per prendere l’aperitivo o cenare dopo l’opera al Teatro alla Scala.

Se si vuole fare ritorno a Milano, è suggerito un giro di tacco sugli attributi del toro disegnato a mosaico (raffigura lo stemma di Torino) sul pavimento dell’ottagono centrale della Galleria. Questo gesto è entrato nella tradizione tanto da formarsi un buco sul pavimento.

Suggestivi i camminamenti sui tetti della Galleria. Nella Galleria Vittorio Emanuele II, tutti gli esercizi hanno un’insegna con scritta in oro su fondo nero.

Si può ancora notare ciò che resta dell’illuminazione originaria. Le moderne sfere bianche sono su montature in rame che un tempo si alimentavano a gas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *