29 Maggio 2024
Culture

Riparazione scaldabagno – quando il nuovo ancora può aspettare

Spesso e volentieri molte persone raccontano di essersi rese conto di dover chiamare un tecnico per la riparazione scaldabagno, nel momento in cui quest’ultimo si è rotto, e cioè proprio quando loro stavano facendo la doccia e ancora non avevano finito.

A quel punto si sono rese conto che bisognava intervenire subito senza farsi prendere dall’ansia o dalla rabbia, per non essere nemmeno riuscite ad arrivare alla fine della doccia con l’acqua calda.

Intervenire subito significa contattare un tecnico specializzato che lavora in un centro assistenza e che ha l’esperienza e la competenza che servono in questi casi per maneggiare qualunque tipo di scaldabagno, che ricordiamo può essere chiamato anche boiler o scaldacqua.

 Teniamo presente che ci sono vari tipi di scaldabagno, nel senso che si possono differenziare per l’alimentazione, in quanto c’è sia quella a gas che elettrica, e inoltre bisogna distinguere tra accumulo o istantaneo.

In ogni caso un tecnico saprà cavarsela e saprà soprattutto risolvere il problema, al di là della tipologia di scaldabagno a meno che non si tratta di un dispositivo molto vecchio che ha già ricevuto diverse riparazioni, perché in quel caso sarà proprio l’esperto a consigliare il suo cliente verso la sostituzione del dispositivo, nel senso che in quel caso, spendere altri soldi, per le riparazioni sarebbe inutile.

 In genere, almeno secondo quello che hanno sempre riferito i tecnici, uno dei problemi più comuni quando si parla di uno scaldabagno elettrico ad accumulo ha a che fare con la resistenza elettrica, nel senso che, proprio grazie a quest’ultima, l’acqua si può riscaldare.

Il punto però è che l’acqua calda rilascia molto calcare, soprattutto nel caso in cui si vive in città dove c’è un’acqua molto dura.

 Potrebbe quindi succedere che il calcare che si forma sulla resistenza vada a creare una sorta di attrito rovinandola: in questo modo l’acqua non si riscalderà più, e una persona si potrebbe ritrovare come abbiamo detto all’inizio a farsi una doccia ghiacciata.

Quindi si verrebbero a creare una serie di disagi per la persona che non potrebbe utilizzare più l’acqua calda, e questa sarebbe una cosa molto negativa soprattutto in inverno.

Altri problemi che può manifestare uno scaldabagno

Ovviamente non è detto che, nel momento in cui lo scaldabagno non sta funzionando come deve, sia dovuto alla resistenza perché in alcuni casi potrebbe essere che ci sia bisogno di monitorare la funzionalità del termostato.

Infatti quest’ultimo in alcuni casi è difettoso: ed ecco perché l’acqua sarà di una temperatura non idonea per essere utilizzata, soprattutto per chi vuole provare una sorta di comfort. Quindi anche in questo caso si può dire che lo scaldabagno non sarà efficiente e non espleterà le funzioni per le quali è stato acquistato. Ecco perché bisogna affidarsi al professionista che cercherà di esaminare la situazione, anche perché per esempio ci potrebbe essere bisogno di lavorare sul gruppo di sicurezza perché magari ci sono perdite.

Come possiamo quindi vedere i casi possono essere tanti: però al di là della motivazione per la quale lo scaldabagno non funziona più, l’importante sarà avere un tecnico di fiducia da poter contattare, e al quale affidare le sorti del nostro bagno.