24 Maggio 2024
Sport

Dalla Coppa d’Italia alla Coppa del Re: le maggiori coppe nazionali d’Europa

Il panorama calcistico europeo è ricco di storia e tradizione, oltre che di numerose competizioni. Oltre ai vari campionati nazionali, come Premier League, Serie A, Ligue 1 o Liga, esistono anche una pluralità di coppe nazionali in grado di suscitare grande fascino. È un caso, ad esempio, della FA Cup inglese, che vanta un prestigio incredibile dentro ai confini britannici e teatro di imprese storiche da parte di club decisamente meno famosi rispetto a quelli dell’élite del calcio inglese, come Arsenal, Manchester United o Chelsea. Tutti i tornei nazionali citati in questo elenco hanno in comune una sola caratteristica, vale a dire il format. Si tratta di competizioni ad eliminazione diretta che coprono l’intero arco della stagione calcistica, grossomodo da agosto al maggio successivo.

La FA Cup vanta numerosi primati tra cui quello di antichità: la sua fondazione, infatti, risale al lontano 1871. Il numero delle squadre partecipanti è 124, il loro numero cresce però esponenzialmente se si tiene conto anche della primissima fase, quella delle qualificazioni: sono 736 i club che si contendono un posto nella prestigiosa competizione inglese. La compagine che domina nell’albo d’oro è l’Arsenal, con 14 titoli, segue il Manchester United con 12. Sono le uniche squadre ad essere entrate nella decina, tutte le altre sono al di sotto dei 10 titoli vinti.

Decisamente inferiore è il numero di squadre che popolano la Coppa Italia, in tutto 44. La fondazione del torneo risale al 1922 ed il record di vittorie è in mano alla Juventus, con 14 successi. Seguono Roma e Inter, entrambe a quota 9 trionfi. Il prestigio della competizione è migliorato nel corso degli ultimi anni, in precedenza il torneo era spesso considerato un banco di prova per le seconde linee delle squadre, aspetto che non ha di certo permesso un aumento di pubblico. Una differenza importante rispetto alla coppa inglese è data dalle squadre partecipanti, o meglio: nel caso della competizione britannica, tutte le squadre scendono in campo fin da subito nelle qualificazioni. Molto del fascino del torneo si ritrova anche in questo aspetto, dove corazzate come il Manchester City sono chiamate a scendere in campo contro squadre di terza divisione inglese, eventi che attirano sempre grande pubblico. Ciò non avviene nel caso italiano, dove le qualificazioni riguardano soltanto le squadre della cosiddetta seconda e terza fascia.

La Copa del Rey è la competizione nazionale della Spagna e la sua fondazione risale al 1903, con ben 126 squadre partecipanti. Le quote sulla Coppa del Re spagnola vedono i grandi club iberici dominare e non a caso si ritrovano primi anche spulciando l’albo d’oro della competizione. Il Barcellona, ad esempio, detiene il record con 31 trofei, seguono Athletic Bilbao con 23 (ma è doveroso specificare che l’ultimo risale al 1984) e Real Madrid con 20.

L’elenco delle coppe nazionali d’Europa non può non contare la Coupe de France, fondata nel lontano 1917. È quasi inutile specificare la compagine che domina in quanto a numero di vittorie: è il Paris Saint-Germain, che fino al 1998 aveva in bacheca solo 5 trofei ma in seguito ha inanellato trionfi fino a conquistarne, in tutto, 14. Al secondo posto nell’albo d’oro si ritrova l’Olympique Marsiglia, con 10 titoli. Da quando lo sceicco Tamim bin Hamad al-Thani ha acquisito il PSG, il club parigino ha incrementato i successi in territorio nazionale, tanto in Ligue 1 quanto nella coppa nazionale. Il vero obiettivo resta però l’affermazione in campo internazionale: la rincorsa alla tanto agognata Champions League non ha ancora avuto un esito positivo e, nei fatti, i mancati successi europei hanno in qualche modo messo in ombra i trionfi in territorio francese.

Infine, chiude questa carrellata la DFB-Pokal, la Coppa nazionale di Germania. La sua fondazione risale al 1934 e sono in tutto 64 le squadre partecipanti. Il record di vittorie, anche in questo caso, è piuttosto scontato perché in mano alla compagine che domina il calcio tedesco da decenni: si tratta del Bayern Monaco, trionfatore in 20 edizioni (a cui si sommano 4 secondi posti). La storia del club è però molto diversa da quella del PSG: dietro alla compagine bavarese vi è da sempre una progettazione attenta al bilancio ed estranea ai grandi colpi mediatici, eccezion fatta per l’ultima sessione di calciomercato, dove il club tedesco ha sborsato oltre 100 milioni per l’acquisizione di Harry Kane dal Tottenham. Continuando però a spulciare l’albo d’oro della coppa tedesca, il Werder Brema insegue con 6 titoli, lontanissimo dallo scalfire il record bavarese.