Le sette meraviglie del mondo moderno e come visitarle

Sono il sogno di tutti i viaggiatori e rappresentano le località che tutti i turisti del mondo, almeno una volta nella vita, vorrebbero visitare. Stiamo parlando delle sette meraviglie del mondo moderno (o nuove meraviglie), ovvero le strutture e le opere architettoniche che si rifanno a quelle che fino al III secolo a.C. erano considerate dai greci e dai romani come “meraviglie del mondo antico”.

Con un sondaggio effettuato in più di 150 paesi, nel 2007 una giuria di esperti internazionali approvò la lista delle sette nuove meraviglie, scegliendo tra più di 20 siti “finalisti”. Nella squadra All-Star dei siti archeologici e storici più importanti del mondo c’è anche la Piramide di Cheope, la più antica delle strutture presenti a Giza, in Egitto. Costruita nel 2560 a.C. e unica delle sette meraviglie del mondo antico rimasta ancora intatta, questa struttura è stata inserita dalla speciale giuria delle nuove meraviglie in qualità di componente onoraria.

Non resta adesso che andare a vedere quali sono le sette meraviglie del mondo moderno. Uno dei siti archeologici più discussi dell’intero pianeta e meraviglia del mondo moderno è Chichén Itzá in Messico. Si tratta di un antico complesso maya costruito intorno al VI secolo, situato nella regione dello Yucatán. Qui, tra le varie strutture, è possibile ammirare la piramide di Kukulkan (o El Castillo), oltre al Caracol (un antico osservatorio astronomico) e il tempio dei guerrieri.

Come le più antiche e più alte cugine egizie (basti pensare che quella di Cheope sovrasta i 130 metri di altezza contro i 30 di El Castillo), anche la piramide di Kukulkan in Messico negli anni ha saputo dare ispirazione a tanti personaggi del mondo dello spettacolo e dell’arte in generale e, nel contempo, ha reso celebre in tutto il mondo la cultura dei Maya, oggi presente nei più disparati prodotti commerciali, dall’alimentare (con prodotti a base di cacao dedicati a questa antica civiltà) fino ad arrivare ai giochi online, con varie slot a tema dedicate all’universo delle popolazioni della Mesoamerica.

machu picchu ph pixabay

Tra le nuove meraviglie del mondo c’è anche il Colosseo di Roma. Il monumento simbolo della Capitale è stato il quarto sito più votato; nella lista iniziale delle costruzioni finaliste vi erano anche la Torre pendente di Pisa e il Palazzo Ducale di Venezia (oltre alla Cappella Sistina e alla Basilica di San Pietro che però fanno parte di Città del Vaticano). Conosciuto anche come Anfiteatro Flavio, il Colosseo (la cui costruzione è iniziata nel I secolo) poteva ospitare fino a novantamila spettatori. Con oltre 7 milioni e mezzo di visitatori all’anno è il monumento o sito a pagamento più visitato in Italia.

Proseguiamo il nostro viaggio e ci spostiamo in Oriente e, precisamente, in Cina, per ammirare la Grande Muraglia, un’imponente costruzione che si staglia nel nord del paese per una lunghezza stimata di circa ottomila chilometri. Risalente al II secolo a.C. nel corso della dinastia dei Qin, la Grande Muraglia è composta da una serie di muraglioni e torri che all’epoca dovevano fungere da barriera contro le invasioni degli Unni e dei popoli vandali.

Oltre alla Muraglia cinese, nel continente asiatico troviamo altre due meraviglie del mondo moderno, ovvero il monumentale Tāj Maḥal di Agra, in India, e la città di Petra in Giordania. Nel primo caso siamo di fronte a un complesso funerario voluto nel 1600 dall’imperatore Shāh Jahān per la moglie Mumtāz Maḥal. Petra (che nel 2007 risultò il sito più votato nel sondaggio effettuato per le nuove meraviglie del mondo), invece, è la più famosa delle città costruite nella roccia, luogo d’incanto e teatro di molti lungometraggi come Indiana Jones e l’ultima crociata e Transformers – La vendetta del caduto.

Chiudono la lista delle nuove meraviglie del mondo due costruzioni situate nel continente sudamericano. La prima è il sontuoso Cristo Redentore di Rio de Janeiro in Brasile e la seconda è il complesso inca di Machu Picchu in Perù.