Inter-Lazio: sfida ad alta quota e dall’esito incerto

Il campionato di Serie A è avvincente e la lotta al vertice vede protagoniste non solo Milan ed Inter ma anche altre squadre (su tutte Juve, Lazio, Roma) che sono inserite in una classifica molto corta. Al momento guidano il trenino le milanesi, ma tutte le inseguitrici hanno chance di rientrare nella corsa, così come dimostrato le quote disponibili su Betflag. Se un operatore importante come Betflag “vede” un torneo equilibrato e una lotta accesa, c’è da fidarsi. Basta infatti cercare alla voce Betflag recensione per verificare l’alta percentuale di attendibilità del popolare operatore attivo nell’ambito delle scommesse sportive.

Inter-Lazio è il big match della 22esima giornata di Serie A insieme a Napoli-Juventus. Gli sportivi italiani ed europei guardano con grande interesse a questa sfida che può segnare il rilancio della Lazio. Grande interesse anche attorno a Napoli-Juventus, altra gara di cartello della giornata, ma dall’esito più prevedibile visto il momentaccio degli Azzurri.

Sfida ad alta quota e dall’esito incerto a San Siro. In effetti la Lazio di Inzaghi arriva a Milano con alle spalle una striscia di risultati positivi che hanno ridato ottimismo e prospettiva. Ai microfoni di Radiosei ha parlato Sandro Mazzola. “Che ricordi quando sfidai all’Olimpico mio fratello Valentino, una grande emozione e tra l’altro entrambi eravamo i capitani delle rispettive squadre. Chinaglia? Sapeva fare tutto, è stato uno dei centravanti più forti che abbiamo avuto e nonostante la sua mole sapeva fare tutto. Questa Inter è fatta di tanti giocatori di personalità, l’assemblaggio per Conte non è semplice. La situazione societaria dell’Inter non è semplice, ci sono persone che sono interessate al club, se fosse così vorrebbe dire che le disponibilità ci sono”.

Per Mazzola “dura dire come possa finire domenica la gara tra Inter e Lazio, un’idea ce l’ho ma per scaramanzia non lo dico. L’impressione è che i nerazzurri siano Lukaku dipendenti, ma questa è un’impressione che nel corso del tempo può anche perdere sostanza. Certo che quando manca la differenza si nota. Corsa Scudetto e Champions? Certo che per l’Inter è un vantaggio non avere impegni extra campionato. Portano via energie nervose e mentali”.

La sfida tra Inter e Lazio, in programma domenica sera a San Siro, sarà diretta dal signor Fabbri, coadiuvato dagli assistenti Alassio e Valeriani. Aureliano sarà il quarto uomo, mentre alla VAR ci sarà Irrati. Ranghetti sarà, infine, l’AVAR.

Per l’Inter si tratta di una sfida delicata da affrontare con i migliori a disposizione. Alessandro Bastoni, Marcelo Brozovic e Nicolò Barella saranno ugualmente in campo nonostante siano diffidati e, in caso di ammonizione, potrebbero saltare il derby di Milano, decisivo non solo per il primato in Città sia per la corsa scudetto. “Il tecnico salentino pensa al presente e non vuole fasciarsi preventivamente la testa su quel che potrebbe essere e che eventualmente sarà. Contro i rivali capitolini quindi, a meno di sorprese, tutto porta a credere che si affiderà ai suoi fedelissimi”, scrive Tuttosport.

Sarà una prova di maturità per Bastoni ricordando la scorsa annata, “quando – scrive il giornale sportivo collezionò il quinto giallo ad Udine, proprio nel turno antecedente al derby con il Milan”. Sia Barella che Brozovic, a questo punto della stagione nello scorso anno, erano già stati squalificati.