Cosa vedere a Matera e dintorni: le Grotte di Castellana

Il grande successo di Matera si riscontra nella soddisfazione espressa dai migliaia di turisti che la stanno visitando in questi mesi. La vetrina offerta dall’essere Capitale Europea della Cultura, è stata davvero importantissima per fare conoscere Matera e dintorni.

Oltre alla Città dei Sassi e la civiltà rupestre, il turista apprezza tantissimo anche l’opportunità di visitare nello spazio di pochi chilometri tante attrazioni da Potenza (la città delle cento scale) alla Puglia con i suoi gioielli, dal Salento al Barese. In particolare tra i luoghi più gettonati ci sono Castellana (per le sue grotte), Polignano a Mare (affascinante località balneare), Alberobello (e i suoi trulli), Fasano (con il suo zoo).

Cosa vedere a Matera e dintorni?

C’è davvero l’imbarazzo della scelta. Chi arriva a Matera può fare delle escursioni fuori città anche di una sola giornata. Per spostarsi tra le soluzioni più gettonate c’è il servizio Ncc a Matera. Grazie al servizio di noleggio con conducente si può ad esempio percorrere agevolmente i 60 km che separano il centro lucano da Castellana Grotte, definita Meraviglia di Puglia. Cosa vedere a Matera e dintorni? Una risposta difficile da dare…In base alla durata della vacanza si possono programmare decine di escursioni. In cima alla lista mettiamo indubbiamente Castellana e le sue Grotte.

Il luogo è ricco di storia, chiese, palazzi ma l’attrazione principale è rappresentata dalla Grotte. Si tratta di un complesso di cavità sotterranee la cui origine è carsica. Esse si trovano nelle Murge sud orientali nell’area metropolitana di Bari. Ci sono cunicoli, corridoi, grotte. Il tutto si snoda per una lunghezza di 3348 metri ad all’incirca 70 metri di profondità, scendendo sino ad un massimo di 122 metri dalla superficie.

Chi visita le Grotte fa un’esperienza che si porterà nel cuore per tutta la vita

Ciascuna caverna ha un nome suggestivo. Ci sono canyon e profondi abissi. All’interno si possono ammirare stalattiti, fossili, stalagmiti e concrezioni dalla forma e dai colori inaspettati. Ci si immerge letteralmente in un un mondo la cui storia risale ad oltre 90 milioni di anni fa. Si entra in una sorta di macchina del tempo e in luoghi dove regnano pace ed immensità. Difficile dimenticare questa esperienza a qualsiasi età la si faccia.

Le grotte che sorprendono di più

Per visitare le Grotte si segue un percorso turistico ben strutturato che inizia dalla Grave. Questa caverna si distingue per un’importante apertura in alto. Essa è piuttosto grande e mette in connessione il mondo di sotto con l’esterno. L’inghiottitoio si è creato in modo naturale. Esso lascia passare la luce all’interno della Grotta dando vita a giochi di luce emozionanti che lasciano letteralmente senza fiato. Altra “regina” del complesso carsico è la Grotta Bianca. Essa è maestosa, elegante. Essa colpisce per la ricchezza ed il biancore dell’alabastro.

E’ possibile visitare questi luoghi magici tutto l’anno. Da Matera si arriva velocemente a Castellana. Infatti le strade sono percorribili e non eccessivamente trafficate. Affidandosi ad un Ncc a Matera si ha poi la comodità di raggiungere i luoghi da visitare all’orario che si preferisce, accompagnati da una persona esperta dei luoghi. Non si deve fare altro che godere della visita.

Lo scenario che si presenta davanti è incantato tra stalattiti e stalagmiti, fossili e caverne

Il percorso turistico si snoda per all’incirca 3 km di cui 1,5 km all’andata ed altrettanti al rientro. Bisogna prendere almeno 2 ore di tempo per una visita completa al complesso delle cavità sotterranee. Il percorso non presenta particolari difficoltà. E’ accessibile a tutti. Infatti le Grotte di Castellana sono aperte anche ai visitatori che presentano disabilità.

La visita guidata in Grotta viene effettuata insieme ad una guida multilingue e all’accompagnatore. All’interno dei luoghi si ha una temperatura che varia dai 14° ai 18°. E’ consigliato affrontare la discesa indossando capi di abbigliamento idonei alla temperatura che si trova all’interno. Sono importanti le scarpe. Devono consentire un’escursione agevole. Il top è rappresentata dalle scarpe da ginnastica o in alternativa con suola piatta di gomma.

Gli orari di visita mutano in base alla stagione. A tal proposito è possibile consultare il calendario postato sul portale dedicato alle Grotte di Castellana. Cosa vedere a Matera e dintorni oltre a Puglia e Basilicata? Chi ha un po’ di tempo in più a disposizione può anche spingersi fino a Pompei e a Napoli, entrambe due mete di sicuro interesse. Due località che meritano però molto di più di un’escursione di una sola giornata.