Buckingham Palace: la storia degli inglesi

Buckingham Palace risale al 1703. I lavori iniziarono per volontà del duca Buckingham, anche se la storia dell’edificio sembra avere inizio nel 1761 con Giorgio III che acquista quella che allora veniva definita come Buckingham House per far contenta la moglie, la Regina Carlotta, pur mantenendo St James’s Palace come residenza reale. Dopo una ristrutturazione ad opera di Sir William Chambers, costata 73 mila sterline, la confortevole Buckingham House divenne fin da subito la Queen’s House e proprio fra quelle mura nacquero 14 dei 15 figli del Re Giorgio III.

Le metamorfosi di Buckingham Palace

Nel 1820, sotto il regno di Giorgio IV, l’edificio venne ulteriormente ristrutturato, questa volta seguendo i consigli dell’architetto John Nash. Questi volle ricoprire la facciata con la pietra di Bath, in puro stile neoclassico francese. Durante i lavori, il Re chiese di trasformare la casa in un palazzo, facendosi approvare ben 450 mila sterline dal Parlamento.

L’architetto, mantenendo il corpo centrale, ha provveduto a raddoppiare le dimensioni del Buckingham Palace aggiungendo l’ala che si affaccia sulla parte ovest del giardino. Invece le ali nord e sud sono state demolite per essere ricostruite con dimensioni maggiori che inglobassero un arco di Trionfo, il Marble Arch, che avrebbe reso memoria alle vittorie inglesi a Trafalgar e Waterloo.

Tali opere, però, fecero lievitare i costi a dismisura e nel 1830, quando subentrò al regno William IV (per la morte del fratello), licenziò Nash a favore di Edward Blore, che completò i lavori. Buckingham Palace non fu comunque usato come residenza reale, non fino al Regno della Regina Vittoria nel 1837, che però ebbe problemi di spazio dopo il matrimonio con il Principe Alberto nel 1840.

Per far fronte a tali carenze si decise di spostare l’Arco di Trionfo nella posizione in cui lo vediamo oggi per costruite la quarta ala che dava vita ad un quadrilatero. L’ultimo rifacimento degli esterni è stata una necessità in quanto la pietra di rivestimento si stava deteriorando rapidamente e fu quindi sostituita con quella di Portland.

L’area esterna, comprendente il piazzale dove avviene il Cambio della Guardia, cancelli e ringhiere, è stata completata nel 1914. Dopo aver apprezzato lo show del Cambio della Guardia che avviene nel piazzale antistante Buckingham Palace, ci si può dirigere alle Royal Mews, le scuderie che si occupano del trasporto stradale della Regina e che mostrano la collezione di carrozze reali utilizzati per diverse occasioni. Molto suggestiva la Gold State Coach, una carrozza d’oro che venne usata nel 2002 in occasione dei 50 anni di regno della Regina, che a bordo di questo gioiello giunse alla cattedrale di St Paul. E’ possibile vedere i cavalli reali delle razze Cleveland Bays e Windsor Greys.

Le State Rooms, usate dai membri della famiglia reale per incontrare ospiti, cerimonie e visite di Stato, durante il periodo in cui questa va in vacanza in Scozia, sono aperte al pubblico. Si possono, così ammirare alcuni tesori della Royal Collection, tra cui dipinti, sculture e porcellane e concluderete il tour con una passeggiata sul giardino a sud, con vista sul lago. Si tratta di una mostra permanente dedicata alla Royal Collection, dove si possono osservare alcuni degli oggetti ed opere d’arte più preziosi, che vengono custoditi dalla Regina per conto della nazione.

La mostra Royal Mews, della durata di 1 ora, delle carrozze e cavalli osserva i seguenti orari:

3 febbraio – 31 marzo
Lunedì al Sabato 10:00-16:00

1 aprile – 31 ottobre
Aperto tutti i giorni 10:00-17:00

1-30 novembre
Lunedì al Sabato 10:00-16:00

L’ultimo ingresso è concesso fino a 45 minuti prima dell’orario di chiusura. La Royal Mews potrebbe essere chiusa durate gli eventi reali e visite di Stato.

State Rooms
Il calendario delle visite alle State Rooms è il seguente:

26 luglio – 31 agosto
09:30-19:30 (ultimo ingresso alle 17:15)

1-28 settembre
09:30-18:30 (ultimo ingresso alle 16:15)

Queen’s Gallery. La mostra, della durata di 30 minuti, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 17:30 (ultimo ingresso alle 16:30), ad eccezione del periodo che va dal 13 ottobre ale 6 novembre.

Il cambio della guardia, della durata di 40 minuti, si volge tutti i giorni alle ore 11.30, da aprile a luglio, mentre viene eseguito a giorni alterni durante il resto dell’anno, a seconda delle condizioni meteo di Londra.

Il ticket per il Royal Mews comprensivo di audioguida in italiano costa £8.75 per gli adulti, £8.00 per gli over 60, £5.40 per i minori di 17 anni. I bambini con età inferiore a 5 anni entrano gratuitamente.

Gli adulti pagheranno un ticket di £19.75, comprensivo di audioguida in lingua italiana, gli over 60 £18.00 mentre i minori di 17 anni solo £11.25. Come per la maggior parte delle attrazioni i minori di 5 anni entrano gratuitamente.

Il ticket per la Quens’s Gallery costa £9.75 per gli adulti, £8.95 per gli over 60, £4.95 per i minori di 17 anni. I bambini con età inferiore a 5 anni entrano gratuitamente.

Contatti

Telefono Royal Mews: +44 (0)20 7766 7302
Telefono State Rooms: +44 (0)20 7766 7300
Telefono Queen’s Gallery: +44 (0)20 7766 7301
Sito web: www.royalcollection.org.uk