Visitare Milano a Pasqua: una città da conoscere

Una delle mete preferite dai vacanzieri che scelgono l’Europa è Milano. Anche per Pasqua 2018 si conferma il trend favorevole per il capoluogo lombardo. Milanesi e vacanzieri impiegano il weekend lungo pasquale per fare le prove generali dell’estate 2018. Milano è una città viva ed interessante anche a Pasqua e Pasquetta con diverse proposte.

Pasquetta 2018 a Milano

Milano è città d’arte e di natura. E’ quindi il luogo ideale dove trascorrere la Pasquetta 2018. Lunedì dell’Angelo Parco Sempione (tra l’Arco della Pace e il Castello Sforzesco) accoglie tantissime persone attratte dal suo splendido verde: vialetti, aree gioco per bimbi. Spostandosi a Porta Venezia si possono ammirare i Giardini Indro Montanelli.

Chi ama la natura più intensa sceglie Boscoincittà a Milano est, realizzato intorno all’antica cascina di San Romano. I bambini saranno molto contenti di vedere il laghetto e i ruscelli, ma anche di seguire un percorso equestre.

Pasquetta a Milano si può anche trascorrere presso il Giardino della Villa Belgiojoso Bonaparte ubicato in centro città, primo esempio a Milano di giardino all’inglese. La Galleria d’Arte Moderna e il Padiglione d’Arte Contemporanea sono visitabili anche il lunedì dell’Angelo.

Musei aperti

La cultura è sempre fruibile a Milano. Quest’anno Palazzo Reale propone la mostra dedicata ad Albrecht Dürer, esponente del Rinascimento europeo. Sempre nel Palazzo ci sono alcuni quadri del Philadelphia Museum of Art.

Al MUDEC-Museo delle Culture in mostra Frida Kahlo. Le opere provengono sia dal Museo Dolores Olmedo sia dalla Jacques and Natasha Gelman Collection.

Sempre ha Pasqua è aperta la Triennale con le sue opere d’arte. Accessibili anche il Museo della scienza e della tecnica e il Castello Sforzesco. Aperti l’Acquario Civico, il Museo archeologico, il Museo Egizio e il Planetario.

La mattina di Pasqua 2018 è da trascorre in Duomo, prima assistendo alle solenne messa, poi visitando le opere d’arte in esso contenute e infine salendo in cima per ammirare da vicino la Madonnina. Una passeggiata nel Quadrilatero della Moda, in Galleria e magari (per chi non ha problemi di finanze) un pranzo pasquale da Cracco.