Investire nel settore Turistico: Affidati a professionisti

Com’è noto, l’Italia è una delle mete preferite dai turisti provenienti da ogni parte del mondo. Senza alcun dubbio, ciò dipende dal fatto che abbiamo a che fare con un territorio molto variegato e ricco di storia, tradizioni, patrimoni naturali di inestimabile bellezza e località incantate tutte da scoprire. Mare, montagna, collina, città d’arte: queste sono solo alcune delle alternative che hanno a disposizione tutti coloro che intendono trascorrere una vacanza in Italia. Per tale ragione, il turismo è uno dei motori più potenti dell’economia del nostro paese. Investire nel turismo significa garantirsi un lavoro particolarmente interessante sotto il profilo dei guadagni, a patto che lo si faccia tenendo conto di tutte le variabili e, soprattutto, affidandosi agli esperti del settore nella fase di apertura e di gestione di una struttura ricettiva. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di capire perché è così interessante prendere in considerazione l’ipotesi di investire in un struttura turistica.

Strutture ricettive: ecco perché vale la pena investire in queste attività

Come anticipato, quello del turismo è un settore che non va mai in crisi. Tra l’altro, stando agli ultimi dati, pare che l’Italia stia facendo i conti con una crescita dei visitatori sia nelle zone costiere che nelle altre aree del paese, a dimostrazione del fatto che il potenziale è davvero molto alto. Ciò vuol dire che la scelta di investire il proprio denaro oltre che il tempo e le energie in un’attività che operi in questo ambito potrebbe rivelarsi decisamentegestione corretta delle strutture ricettive molto corretta. Quando si parla di strutture ricettive si può fare riferimento sia agli alberghi che ai bed and breakfast piuttosto che agli agriturismi, casa vacanze ed affittacamere. Nella categoria delle strutture ricettive, infatti, rientrano moltissime categorie di attività che hanno tutte il compito di dare ospitalità ai turisti. Ovviamente, dipendentemente dalla categoria, le strutture avranno caratteristiche ben diverse. In alcuni vasi, ad esempio, possono essere presenti bar e ristoranti, piuttosto che aree dedicate al relax e al benessere. In altri, invece, vi sono solo ed esclusivamente stanze in cui poter trascorrere la notte e consumare la prima colazione. Indipendentemente da ciò, per avviare una struttura ricettiva devono essere espletate tutta una serie di pratiche ben precise. In primo luogo, bisogna fare presente che non è sempre necessario essere in possesso di una partita Iva, inoltre esistono vari tipi di opportunità per richiedere finanziamenti per avviare la tua attività. Ad essere necessaria, invece, è la Scia che serve per segnalare l’inizio dell’attività. Al momento della consegna della Scia si dovranno fornire dati ed un documento del richiedente oltre che le informazioni relative all’attività tra cui, ad esempio:

l’ubicazione della stessa, la planimetria della struttura, le relative dichiarazioni di messa a norma, il numero delle stanze, la presenza dei servizi igienici e tutte le specifiche relative all’arredamento.

Una aspetto di cui tenere conto riguarda anche il fatto che devono essere descritti vari servizi offerti, deve essere documentato il possesso dei requisiti minimi ed il piano tariffario. Al momento dell’avvio dell’attività, si devono fornire tutte le informazioni necessarie in fatto di sicurezza sul lavoro e di sicurezza degli ospiti. In pratica, al titolare spetta il compito di accertarsi che tutti gli standard vengano rispettati. A riguardo, è utile tenere conto del fatto che si fa rifermento, ad esempio, al sistema antincendio, all’igiene e alla gestione di ogni genere di rischio.

Come fare per avviare e gestire le strutture ricettive

società di consulenza nel settore turistico

Come è facile intuire, la cosa migliore da fare quando si intende avviare e gestire una struttura ricettiva è quella di affidarsi a dei professionisti del settore in grado di seguire ogni fase passo dopo passo e di fare in modo che non si vada incontro a questioni burocratiche più o meno complesse.

In Italia esistono varie società di consulenza nel settore turistico, in grado di fornirvi questo tipo di servizi una di queste è Dimorando.

Affidarsi al fai-da-te in questo caso può essere addirittura controproducente. Addirittura, le consulenze potrebbero rivelarsi cruciali ancor prima dell’avvio delle attività. Solo in questo modo, infatti, si avrà la possibilità di inquadrare la futura attività, di capire quali sono le pratiche burocratica da espletare e, soprattutto, quali sono le varie fasi per una gestione corretta di un’attività complessa come quella turistica. Ogni genere di investimento deve essere tenuto sotto controllo sia dal punto di vista fiscale che economico. Al momento dell’avvio, ad esempio, sarà necessario elaborare un piano, appunto, economico grazie al quale si avrà la possibilità di capire quando sarà possibile raggiungere il cosiddetto break even point, ossia il momento dal quale si avrà la possibilità di generare profitti. Non solo: affidarsi ad un buon commercialista e ad un legale servirà per riuscire a tenere tutti gli aspetti strettamente amministrativi sotto controllo. Servirà, avvalersi della professionalità di periti ed esperti in fatto di sicurezza sul lavoro, sicurezza alimentare e gestione del personale.

In sintesi, per fare in modo che una simile attività possa dare i propri frutti non serve altro che rivolgersi ad un team di esperti con il quale condividere questo percorso e grazie a cui raggiungere il successo senza dover contare solo ed esclusivamente sulle proprie forze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *