15 Giugno 2024
San Marino

San Marino sta emergendo come una destinazione allettante per i pensionati europei

Una nuova località europea è pronta ad attrarre i pensionati da mezza Europa. È la Repubblica di San Marino. Il piccolo Stato sta emergendo come una destinazione allettante per i pensionati europei in cerca di vantaggi fiscali. Le agevolazioni offerte dallo stato sammarinese promettono una tassazione agevolata e una serie di benefici per coloro che scelgono di stabilirsi nel paese.

San Marino propone uno schema di sgravi fiscali che attira pensionati da tutta l’Unione Europea. L’elemento centrale di questa proposta è un’imposta agevolata del 6% che ha una durata di 10 anni per tutti i nuovi residenti pensionati. Il regime fiscale, però, non si applica a tutti i redditi, ma solo a coloro che soddisfano determinati criteri. Infatti per poter usufruire della tassazione al 6% per 10 anni, i pensionati devono soddisfare determinati requisiti. Prima di tutto, devono dimostrare di avere redditi superiori a 50 mila euro o un patrimonio personale (escludendo le proprietà immobiliari) che superi i 300 mila euro. Questo si rivolge soprattutto ai pensionati con un tenore di vita più elevato.

Ma ottenere l’agevolazione fiscale non è sufficiente. È necessario acquisire la cittadinanza “atipica”. A differenza della cittadinanza tradizionale, questa non richiede una residenza fisica o lavorativa nel territorio sammarinese. Ma i richiedenti devono trasferire almeno un terzo del proprio patrimonio in una banca sammarinese, investendolo in titoli di Stato o altri prodotti finanziari. Questo vincolo è progettato per incentivare gli investimenti e contribuire all’economia locale.

Ma ci sono ancora diverse alternative interessanti. Cipro offre una no tax area fino a 19.500 euro per le persone fisiche. Malta applica un’aliquota fissa del 15% sui redditi esteri. Inoltre, Slovacchia ed Albania offrono l’esenzione totale sulla pensione italiana percepita. San Marino si sta posizionando come una delle opzioni più allettanti per i pensionati europei in cerca di agevolazioni fiscali. Con un’imposta agevolata al 6% per 10 anni e requisiti specifici per la cittadinanza “atipica”, il paese offre una combinazione unica di benefici fiscali e opportunità di investimento. Ma è sempre indicato consultare un consulente fiscale prima di prendere una decisione importante come quella di trasferirsi in un nuovo paese.