Pisa. Bedini: occorre anche porre un freno alla maleducazione di chi sporca

Presentati martedì mattin in piazza dei Cavalieri i nuovi mezzi di Geofor per la pulizia delle strade a Pisa. A illustrare i nuovi investimenti per migliorare l’igiene urbana in città stamani l’assessore all’ambiente Filippo Bedini, il dirigente di Geofor Paolo Vannozzi, Giulia Palagini del consiglio di amministrazione di RetiAmbiente e Urbano Dini, direttore generale di RetiAmbiente.

“L’azienda Geofor – ha spiegato l’assessore all’ambiente Filippo Bedini – ha dotato, per la pulizia e l’igiene urbana del Comune di Pisa, sei nuove spazzatrici che sono già in servizio da circa due settimane. Sono mezzi di ultima generazione: hanno una potenza di aspirazione molto maggiore rispetto alle precedenti (riescono ad aspirare bottiglie di vetro anche piene); sono dotate di lancia, molto importante perché il lavoro sia completo, complessivo e fatto a regola d’arte; hanno una manovrabilità maggiore, perché su 4 ruote sterzanti, il che consente di raggiungere anche i punti più difficili da pulire. Il servizio di assistenza è direttamente a Ospedaletto e quindi i tempi di intervento in caso di guasto sono contingentati, in modo da non rimanere mai scoperti. Le nuove spazzatrici vanno ad affiancare i mezzi elettrici già presentati due mesi fa, e copriranno le aree più centrali della città”.

“Gli sforzi per migliorare il servizio di igiene urbana sono ingenti e sotto gli occhi di tutti – prosegue l’assessore -. Ma non basta: purtroppo con la fine delle restrizioni e il ritorno a pieno regime della movida si registra che le cattive abitudini non sono state perse. Nel centro storico in particolare gli operatori che intervengono per la pulizia mattutina si trovano davanti a scenari vergognosi con rifiuti abbandonati in grandi quantità ovunque, orinatoi a cielo aperto e persino escrementi umani nei vicoli più nascosti. Il lavoro che ogni mattina l’azienda si trova a fronteggiare è enorme, e per quanti sforzi si possano fare, i risultati saranno sempre e soltanto un tampone, un argine. Il problema è prima di tutto culturale, e le colpe sono di chi è così incivile e irrispettoso nei confronti di Pisa da abbandonarsi a comportamenti inqualificabili sotto l’ombrello di un presunto “divertimento”. Noi vigiliamo rigidamente anche sugli orari entro i quali il servizio viene effettuato, e tutte le mattine riceviamo da Geofor un report fotografico di un centinaio di scatti che testimoniano l’avvenuta pulizia dei luoghi più critici e gli orari entro i quali tale servizio è stato effettuato. Con frequenza mensile aggiorniamo giri e strategie in base alle problematiche rilevate e alle segnalazioni nel frattempo ricevute. Dai prossimi giorni anticiperemo alcuni interventi mattutini, in modo da cercare di far trovare la città pulita fin dalle prime ore della mattina. Attualmente salvo imprevisti tra le 7 e le 8 il centro storico è sempre pulito. Si può fare ancora meglio, ma senz’altro, lo voglio ribadire, il problema è porre un freno a tutta questa maleducazione che nottetempo ama deturpare Pisa. Questa è la vera vergogna ed è contro questi fenomeni che bisogna a tutti i livelli, culturale, di controllo, sanzionatorio, intervenire”.

“Per RetiAmbiente – ha dichiarato Giulia Palagini, in rappresentanza del consiglio di amministrazione – questo rinnovo del parco mezzi dedicati alla pulizia urbana rappresenta un elemento importante di miglioramento nello svolgimento del servizio, soprattutto a Pisa dove c’è un centro storico molto frequentato da studenti e turisti, da tutelare con particolare attenzione. Nel 2022 sono circa settanta i nuovi mezzi di cui si è dotata Geofor, ma il progetto di rinnovamento si articolerà fino al 2033, con una sostituzione della flotta pari a 550 mezzi. Siamo fiduciosi che questi investimenti possano contribuire a determinare un uno sviluppo nella gestione del servizio di pulizia urbana e di gestione dei rifiuti”.

“Il nostro piano industriale – ha aggiunto Polo Vannozzi, dirigente di GEOFOR Spa – prevede un investimento di oltre 40 milioni di euro nei prossimi dieci anni per il rinnovo dei mezzi di pulizia, che diventeranno sempre più tecnologici e a basse emissioni. A partire da giugno le sei spazzatrici che quotidianamente sono in servizio su Pisa saranno inoltre integrate da un progetto che prevede l’utilizzo di mezzi elettrici per svolgere il servizio di igiene urbana nel centro storico. Lo sforzo di Geofor, dell’Amministrazione comunale e degli operatoti per tenere pulita la città è incessante, abbiamo però bisogno dell’aiuto di tutti i cittadini”.

“Il piano di rinnovamento dei prossimi anni – ha concluso Urbano Dini, direttore generale di Reti Ambiente Spa – consentirà di ottimizzare gli interventi di pulizia in città grazie al miglioramento tecnologico di mezzi e delle apparecchiature utilizzate. In questo modo riusciremo a garantire sempre meglio la pulizia di strade e piazze già a partire dalle prime ore del mattino”.