Per la prima volta Tropea ottiene la Bandiera blu

La città di Tropea si fregia della Bandiera blu. Si tratta di una prima volta nella sua storia. La Perla del Tirreno calabrese entra nella speciale classifica e sarà tra le otto città italiane rappresentative dell’ambito riconoscimento che dal 1987 premia le località balneari di 49 paesi nel mondo. Assegnato dalla Fee (Fondazione per l’educazione ambientale) ai luoghi che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio, il riconoscimento è un vanto per i tropeani e l’amministrazione guidata da Giovanni Macrì.

In Calabria, oltre a Tropea, sono state premiate Soverato, Sellia Marina, Roseto Capo Spulico, Trebisacce, San Nicola Arcella, Praia a Mare, Tortora, Villapiana, Rocca Imperiale, Cirò Marina, Melissa, Roccella Jonica e Siderno. Aumentano quest’anno in Italia le Bandiere Blu, i riconoscimenti ai comuni marinari e lacustri con le acque più pulite e il maggior rispetto dell’ambiente. Sono 195 i comuni italiani che le hanno ottenute nel 2020, 12 in più rispetto ai 183 dell’anno scorso. I nuovi ingressi sono 12, e non c’è nessuna uscita. Hanno ottenuto il riconoscimento anche 75 approdi turistici.

Le 12 new entry per i comuni sono Gozzano (Piemonte), Diano Marina (Liguria), Sestri Levante (Liguria), Montignoso (Toscana), Porto Tolle (Veneto), Vico Equense (Campania), Isole Tremiti (Puglia), Melendugno (Puglia), Rocca Imperiale (Calabria), Tropea (Calabria), Siderno (Calabria), Alì Terme (Sicilia). Tra gli approdi arrivano quest’anno Cala Cravieu (Celle Ligure, Liguria), Vecchia Darsena Savona (Savona, Liguria), Cala Gavetta (La Maddalena, Sardegna), Marina Porto Azzurro (Porto Azzurro, Toscana), Porto degli Aragonesi (Casamicciola, Ischia, Campania). Perdono la Bandiera Blu nel 2020 il Porto turistico Marina di Policoro (Policoro, Basilicata) e la Marina del Nettuno (Messina, Sicilia).