19 Aprile 2024
Welness

Insonnia invernale: le cause e come curarla

Tutte le volte che affrontiamo un cambio di stagione, ecco che il nostro fisico ne risente su diversi livelli, e fra le conseguenze peggiori troviamo l’insonnia. È un fastidio a dire il vero frequente, soprattutto quando si appresta ad arrivare l’inverno, e anche se non è un qualcosa di molto conosciuto, sono numerose le persone che in Italia soffrono della cosiddetta “insonnia invernale”. Si parla di una particolare condizione che rende ostico il sonno, reso impossibile dalla continua presenza di pensieri notturni e dall’incapacità di rilassarsi. La poca voglia di alzarsi la mattina, poi, che rende il tutto ancor più complesso. Vediamo quindi qualche consiglio su come riconoscere questa condizione e su come curarla.

 

Le cause dell’insonnia invernale

Questo genere di insonnia invernale viene spesso correlata alla cosiddetta “winter depression”, a sua volta legata ad alcuni cambiamenti fisiologici tipici dell’inverno. In sostanza, le variazioni in termini di ore di luce possono impattare parecchio su questa condizione, e lo stesso discorso vale per il clima. Naturalmente, si tratta di fattori che influiscono sulla vita di tutti, anche se in maniera soggettiva: se infatti da un lato abbiamo persone che non accusano nessun sintomo particolare, dall’altro ce ne sono altre che sentono prepotentemente le variazioni di umore causate da questo cambio di stagione. Oltre a ciò, è chiaro che la mancanza di sonno crea degli ulteriori problemi, come nel caso della poca concentrazione, dei riflessi rallentati, del nervosismo e molto altro ancora. Infine, da non dimenticare la sonnolenza diurna, tipica di chi dorme poco e male la notte.

 

Come curare i disturbi del sonno in inverno

A volte non basta mettersi tranquilli sotto le coperte e aspettare l’arrivo del tanto agognato sonno, perché in certi casi quest’ultimo sciopera, per così dire. Quindi, per cercare di accelerare le cose, ecco qualche suggerimento utile per combattere l’insonnia invernale. In primo luogo, fate molta attenzione a cosa (e a quanto) mangiate a cena, perché una digestione più impegnativa del solito può provocare diversi fastidi notturni, come la sudorazione e il mal di stomaco: disturbi che ovviamente vanno a complicare il sonno.

In secondo luogo meglio usare elementi naturali per agevolarlo, come ad esempio qualche goccia di olio di lavanda sul cuscino o altri prodotti per il proprio benessere, che si possono trovare anche online, da assumere direttamente in modo da conciliare il sonno. Esistono poi una serie di abitudini che possono aiutarci ad addormentarci più facilmente. Ad esempio, leggere prima di dormire è una pratica che apporta numerosi benefici alla nostra salute fisica e mentale, in quanto evita di appesantire e concentrare troppo il cervello come invece accade quando si guarda la televisione o si sta al computer. Infine, bere bevande calde la sera come tisane o camomilla aiutano a loro volta a rilassare mente e corpo, ma attenzione a evitare quelle che contengono sostanze eccitanti come teina e caffeina.

L’insonnia invernale può creare numerosi fastidi nella vita di tutti i giorni. Fortunatamente, bastano a volte pochi semplici passi per riuscire a combatterla adeguatamente.