Roaming internazionale durante la vacanza a Londra?

Il roaming internazionale è uno dei dubbi che assale chi si appresta a fare una vacanza a Londra. Fino a quanti GB si possono usare per il traffico dall’estero? Quante chiamate si possono fare verso casa senza incorrere in costi aggiuntivi?

La risposta è legata ad una premessa. Infatti dal 15 giugno 2017 il roaming internazionale è diventato gratis per tutti i Paesi dell’Unione Europea. Mentre scriviamo la Gran Bretagna è ancora nell’Ue. Quindi si può usare lo smartphone come se ci si trovasse in qualsiasi Paese membri. Ma gli operatori telefonici hanno stabilito un tetto alla quantità di minuti e di GB spendibili quando all’estero, con la complicità di Agcom, grazie a una vera e propria deroga.

Vodafone e Wind – 3 ad oggi non pongono alcuna limitazione. Quindi in roaming europeo è equivalente all’offerta tariffaria sottoscritta dall’utente per l’Italia. Stesso discorso anche per operatori minori come Poste Mobile, Tiscali e CoopVoce. Ad oggi propongono le stesse modalità di utilizzo attive in Italia.

Situazione analoga con Tim, la quale ha fissato un’unica limitazione per quanto riguarda Social&Chat, un’opzione particolare che consente di usare social e chat senza limiti e senza intaccare il monte GB. In Europa questa opzione non sarà valida, dunque condivisioni di foto su Facebook e video su WhatsApp verranno scalati al totale.

Invece per gli utenti Fastweb è previsto solo 1 GB all’estero in seguito all’ottenimento della deroga. Pochi anche i minuti disponibili, ovvero 500. Capitolo a parte riguarda Iliad. Inizialmente si pensava che i 30 GB a disposizione per tutti gli utenti valessero anche in Europa, ma si è scoperto che sono solo 2 i GB utilizzabili per il roaming europeo (in questo caso la norma europea consente a priori questo tetto, fissandolo addirittura a 1,6 GB, per tutte le tariffe economiche).