Mondiali. Finale a Mosca: cosa vedere nella capitale russa

Migliaia di sportivi da tutto il Mondo fino al 15 luglio si trovano a Mosca e in Russia per assistere al Campionato mondiale di calcio maschile. Per molti si tratta della prima volta in questa terra immensa e ricca di tradizioni. Chi è venuto fino in Russia per tifare la sua squadra si divide tra lo stadio e, per gli amanti delle scommesse sportive, sui bookmakers aams. Il resto del tempo è possibile trascorrerlo a visitare Mosca, una metropoli imperiale.

Mosca: la città dei Principi

La capitale russa è stata fondata ad inizio anno Mille dai Principi della Moscovia. In epoca zarista la città perse prestigio a favore di Pietroburgo. Mosca divenne nuovamente capitale della Russia durante il periodo sovietico. La città odierna è cosmopolita. Qui convivono culture, etnie, religioni. Uno dei luoghi più suggestivi è il Cremlino.

La metro di Mosca è veloce ed efficiente. E’ anche un’opera d’arte. Ciascuna fermata è decorata con stucchi, bassorilievi e sculture.

Il Cremlino

L’immensa struttura con le sue imponenti mura rosse è il simbolo della capitale. Al suo interno ci sono le quattro cattedrali e il Museo dell’Armeria. Nella piazza principale della Fortezza si trovano anche la Campana dello Zar, che secondo la leggenda è la più grande del mondo, e il cannone dello Zar. Questi ultimi due monumenti sono la gioia della maggior parte dei turisti internazionali a Mosca.

La Cattedrale di San Basilio

Fu eretta nel Cinquecento da Ivan Il Terribile nel centro di Mosca. Nel 1990 è stata dichiarata Patrimonio dell’Unesco. Internamente è impreziosita di icone e mosaici-

La Piazza Rossa

E’ una delle più famose al Mondo. La Piazza Rossa è il cuore di Mosca. Qui si svolgono le parate militari e dei principali eventi della capitale. Sulla Piazza si affacciano anche il museo di Storia Naturale e il Mausoleo di Lenin.

La Cattedrale di Cristo Salvatore

Intonacata di bianco brillante e con le sue meravigliose guglie ricoperte in oro, è un gioiello prezioso nel cuore di Mosca. Fu fatta costruire in onore della vittoria su Napoleone nel 1812 e fu distrutta su ordine di Stalin nel 1931, che voleva costruire al suo posto una torre con il busto di Lenin. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica la Cattedrale fu ricostruita e oggi è la chiesa più grande e più importante di tutta la Russia. Come in tutte le cattedrali ortodosse, per accedervi è richiesto alle donne di coprirsi il capo con un foulard o una sciarpa.

La galleria Tret’yakov

L’arte russa con le sue opere maggiori si trova alla galleria Tret’yakov di Mosca. Qui si ammirano Malevich, Kandinskij, ma anche la Madonna di Vladimir. Qui si entra in contatto con l’autentica anima russa che si caratterizza per una riflessività e una profondità di pensiero.

Il balletto al teatro Bol’shoj

Il Teatro Bol’shoj è nel centro di Mosca. Accoglie i turisti che escono dalla fermata della metro Teatranlnaya con la sua piazza immensa e con la sua elegante facciata neoclassica. E’ uno dei teatri più prestigiosi del mondo, la cui scuola di danza è considerata la migliore esistente.

Il monastero Novodevicij

E’ citato in alcuni dei libri più famosi della letteratura russa come Guerra e Pace e Anna Karenina. All’interno del monastero la cattedrale più famosa è senza dubbio quella di Nostra Signora di Smolensk, costruita nel Cinquecento per celebrare la riconquista della città, che era stata occupata dai Lituani. Nel cimitero del monastero sono sepolte alcune delle più importanti personalità russe, dagli scrittori Čechov, Gogol’ e Bulgakov, a Kruscev e Prokofiev.