24 Maggio 2024
PortogalloTravel

Oporto è una delle città più belle e più amate dai viaggiatori

Oporto, nord del Portogallo, è una delle città più belle e più amate dai viaggiatori. E’ una destinazione di cultura, arte, storia e degustazione. Porto si contende con Lisbona, Coimbra e Sintra la palma di città più bella del Portogallo.

Porto: cosa mangiare e cosa bere

Porto merita una visita soprattutto per l’aspetto enogastronomico. Il vino Porto viene prodotto nei vigneti della valle del Douro. Ne esistono di diversi tipi. Da assaggiare le pasteis de nata, dolcetti di pasta sfoglia, il Bacalhau, il baccalà in ogni forma, dalla brace al pasticcio, bifana, un panino di carne di maiale, ideale per un pranzo al sacco, tripas à moda do Porto (trippa con fagioli bianchi, specialità di Porto) e moltissimi dolci.

Ribeira e fiume Douro

E’ il quartiere più tipico della città, con le casette colorate e le barchette ormeggiate lungo il fiume Douro. Per godere al meglio della vista del quartiere e del Ponte Dom Luis I, l’ideale è partire per un’escursione sul fiume su una delle barcos rabelos, uno dei simboli di Porto.

Ponte Dom Luis I

Téophile Seyrig costruì il Ponte Dom Luis I di Porto fra il 1881 e il 1886. Il ponte di 170 metri è a picco sul fiume Douro e, al momento della sua costruzione, era il più lungo del mondo tra i ponti di questo tipo. È un ponte a due piani. Al piano superiore passa la metropolitana di Porto, mentre quello inferiore è riservato a tram, autobus e pedoni

Vila Nova de Gaia e le cantine del Porto

Vila Nova de Gaia, città gemella di Porto, è la seconda città più popolosa del Portogallo. Divisa dalla sorella più famosa dal Fiume Douro e collegata a essa dal Ponte Dom Luis, a Vila Nova de Gaia ci sono alcune attrazioni interessanti come il Mosteiro da Serra do Pilar e alcune spiagge suggestive. Vila Nova de Gaia è uno degli snodi commerciali del Portogallo.

La Chiesa di San Francesco

La Chiesa di São Francisco è un esempio di gotico. E’ stata edificata nel XIV secolo ma ridecorata nel corso del periodo barocco con la tecnica della talha dourada, il legno intarsiato e ricoperto di una lamina d’oro.

La Cattedrale di Porto

Il suo interno è impreziosito da tre cappelle barocche. La Cattedrale di Porto si distingue per le azulejos bianche e azzurre del chiostro gotico, che raffigurano episodi dalla vita della Madonna e dalle Metamorfosi di Ovidio. Di fronte alla Cattedrale di Porto si può vedere una colonna. Si tratta di un’antica gogna, dove venivano torturati i criminali. Da qui si gode una splendida vista sul fiume e sul ponte.

La Stazione di São Bento

La Stazione di San Benedetto si fa ammirare per gli oltre 20 mila azulejos bianchi e azzurri che decorano il suo interno, dipinti da uno dei maestri riconosciuti di quest’arte tipicamente portoghese, Jorge Colaco, nei primi anni del Novecento. Le mattonelle raccontano la storia dei mezzi di trasporto, dalle origini fino all’invenzione della ferrovia.

Il Mercado do Bolhão

Si distingue per la struttura ottocentesca, in ferro, che merita di per sé una visita. E poi per verdure, formaggi, olive, pesce, fiori e prodotti tipici del Portogallo.

La Livraria Lello

In Rua dal Carmelitas, nel centro di Porto, c’è una delle librerie più belle del mondo. La Libreria Lello, conosciuta anche come Lello e Irmão o Libreria Chardron, fu fondata nel 1869. La facciata in stile neo-manuelino è uno spettacolo. Le grandi scale centrali sono a forma di 8.

La Casa da Música

E’ il grande auditorium costruito in occasione di Porto Capitale Europea della Cultura nel 2001. La Casa da Música ospita ben tre orchestre residenti, l’Orquestra Nacional do Porto, l’Orquestra Barroca e il Remix Ensemble.

Il Palácio da Bolsa

E’ un grande edificio in stile neoclassico, proprio dietro la Chiesa di San Francesco, e ospitava gli uffici commerciali della città. All’interno ci sono la Sala araba, in stile neomoresco, è un tripudio di decorazioni, mentre il cortile – Pátio das Naçoes – è coperto da una grande cupola ottogonale.