5 cose da vedere assolutamente tra Porto Selvaggio e Porto Cesareo

Porto Selvaggio e Porto Cesareo sono due meravigliose località del Salento. Distanti circa 30 chilometri l’una dall’altra, sono meta di migliaia di turisti, specialmente nel periodo estivo grazie alle meravigliose spiagge, alle acque turchesi del Mar Ionio e ai luoghi di interesse storico e artistico disseminati sul loro territorio.

Le cinque cose da vedere assolutamente tra Porto Selvaggio e Porto Cesareo

Durante una vacanza nel Salento a Porto Selvaggio e/o Porto Cesareo non si potrà non visitare:

  1. Palude del Capitano: questo specchio d’acqua nei pressi della marina di Sant’Isidoro di Nardò (provincia di Lecce), fa parte dell’Area Protetta del Parco Naturale di Porto Selvaggio più in particolare nella zona denominata Terra d’Arneo. In questo luogo suggestivo si incontrano acque dolci e acque salate. A fare da cornice alla Palude del Capitano vi è un fitto bosco tipico della zona. Questo luogo incantato porta con se una leggenda. Pare che un marinaio, stanco dei lunghi periodi in mare decise di costruirsi una piccola dimora sulla sponde di questo lago. Ogni questa casetta è conosciuta infatti come la Casa del Capitano.
  2. Baia di Porto Selvaggio: sita ad un chilometro di distanza da Santa Caterina, questa meravigliosa baia permette ai turisti e ai visitatori di godere di un panorama mozzafiato. La sabbia bianca e le acque del Mar Ionio offrono la possibilità di passare ore di piacevole relax immersi nella splendida e rigogliosa natura salentina. È possibile ammirare questo lembo di terra dalle antiche torri: la Torre Uluzzo e la Torre dell’Alto. Non solo, nelle immediate vicinanze della baia è possibile visitare le caratteristiche grotte preistoriche.
  3. Baia di Uluzzo: situata nell’Area Protetta di Porto Selvaggio, questo golfo naturale è caratterizzato da lunghe e imponenti scogliere rocciose e da una rigogliosa vegetazione. In questo luogo di rara bellezza, la natura incontaminata della terra incontra il fascino del mare salentino. Nell’area circostante, inoltre, vi è un importante sito archeologico il quale raccoglie numerosi reperti risalenti al periodo preistorico. Inoltre nei pressi della baia vi sono tre grotte conosciute con il nome di Grotta di Carlo Cosma, Grotta dell’Uluzzo e Grotta del Cavallo. Uno spettacolo unico nel suo genere che i turisti non possono perdersi.
  4. Isola dei Conigli: conosciuta anche con il nome di Isola Grande, questo lembo di terra è collocato a pochi chilometri dalla costa di Porto Cesareo. Una curiosità legata a questa isola è proprio legata al suo nome. Questo, infatti, deriva dalla consuetudine di allevare bestiame che gli abitanti utilizzavano come unico sostentamento. Per questa ragione, dopo la Seconda Guerra Mondiale, il territorio dell’isola fu impiegato per allevare intensivamente i conigli. Questo fatto curioso gli è valso il nome di Isola dei Conigli nonostante oggi non vi siano più allevamenti. L’area è caratterizzata dalla vegetazione tipica della macchia mediterranea ed è circondata dalle acque meravigliose del Salento. Essa fa parte dell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo.
  5. Torre Cesarea: situata nella cittadina di Porto Cesareo sulla costa occidentale pugliese, questa torre è un edificio di enorme importanza storica affacciato sul meraviglioso Mar Ionio. Infatti essa fu progettata e creata nella seconda metà del 1500 ed era utilizzata come torre di avvistamento durante i conflitti. Tuttavia, nel 1622 fu ricostruita. I lavori vennero seguiti da Virgilio Pugliese e Giovanni Tommaso. Ad oggi l’edificio ospita gli uffici della Guardia di Finanza.

Se vi trovate in zona, vi consigliamo un itinerario in questo angolo paradisiaco di Salento. Non ve ne pentirete!